International Warriors Foundation Kayten Academy

                                                                                Nessun Arte Nessun Nome

 

Rendo onore e rispetto a tutte le arti marziali sportive e non,da molti anni

Ho preso un mio sentiero e continuo a percorrerlo al di fuori delle mode temporanee

ed interessi personali politico federali, poiche’ la mia e’ una ricerca, quale?

Quella di avere qualche buona possibilita’ di poter tornare a casa con il minor numero di danni in caso di conflitto.

Essendo stato sempre un appassionato di storia antica di tutti i popoli

una delle cose che hanno riscosso il mio interesse oltre la loro forma mentis

e' stato il loro sistema di combattere,per procurarsi cibo, vestiario,dominio,conquiste ed altro,

le arti marziali odierne sono cio' che e' rimasto di cio' che era all' origine

poiche' tanti pensieri , filosofia e tecniche sono andate perdute nel tempo o letteralmente modificate.

Per comprendere meglio le cose ho dovuto cancellare completamente la mia memoria

e ripartire da zero ritornando all' epoca in cui nulla era ancora scritto e di conseguenza codificato

ossia la vera essenza,e da quel momento imparare a combattere per difendermi dal momento

che non disponevo di alcuna tecnica o mezzo,e questo studio continua ancora oggi e penso

che non abbia fine, poiche' il mondo si evolve ed i sistemi di combattimento variano.

altra cosa comprendere il perche' si deve ricorrere al combattimento e quando,

essere sempre coscienti di cio'che si deve fare poiche' errori non sono ammessi.

cattiveria, rigidita',rancori, ed altri sentimenti negativi devono assolutamente essere banditi

per tornare ad essere veri antichi guerrieri, uomini di pace quando questa regnava ed ottimi

combattenti in caso di conflitto, conoscere assolutamente il proprio lato oscuro al fine

di controllarlo, addestrarsi al distacco, ossia non farsi mai coinvolgere in prima persona

poiche' questo genera solamente errori. un vero guerriero e' il vero uomo di pace

poiche' conoscendo bene i rischi e la morte si batte per la vita dei propri simili ed in fine la sua.

 

Una non arte complessa,in cui il maggior avversario non e’ colui che e’ davanti al praticante pronto a combattere ma il praticante stesso. Il non arte non e’ un’arte di combattimento ma un vero modo di vivere e pensare,quindi non uno stile, poiche’ gli stili seguono le mode e le epoche.Nella non arte occorre imparare attribuire il giusto rispetto alla totalita’ degli esseri viventi e delle cose, imparare ad usare l’ equilibrio interiore ed agire coscientemente. Seguiranno alcuna regole che un praticante dovra’ osservare con la comprensione di esse e la conseguente applicazione.

 


Premetto innanzi tutto una cosa! visti i malintesi che si son verificati e si possono verificare,la I.W.F. Kayten Academy non e' una scuola di ninjutsu anche se e' riconosciuta da molte altre scuole straniere che praticano tale arte,ma una scuola che viaggia per conto proprio con una propria arte e propri programmi.Trattandosi quindi di una fondazione internazionale di guerrieri, tutte le arti e le scuole sono le benvenute, questo per accrescere la conoscenza di tutti in armonia ed amicizia.Il nome Mugei Mumei no Jitsu ossia nessun arte nessun nome, l' ho scelto per comodita' poiche' ho visto che si
accordava ai miei pensieri.Premetto che tale arte non arte non segue i canoni
giapponesi,cinesi o altri, e'uno studio basato sull' attenta osservazione di ogni tipo di combattimento,classico,sportivo,da
strada o militare,e trovare il modo di riuscire a liberarsi dell' avversario e mettersi al sicuro oppure ridurlo all' impotenza.Tanto
per complicare le cose gli avversari sono sempre piu' di uno, in modo da rendere il praticante il piu' efficiente e preciso
possibile ed infine lo studio principale verte sulle doti di una persona normale e non di un atleta preparato al combattimento
sportivo,questo per far si' che ogni persona possa avere delle chances in piu' per mettersi in salvo.
imparare un' arte alla perfezione e' una cosa, cercare di rimanere vivi e' un' altra, ed io ho scelto questa strada.Nello
studio di questo sistema vi sono delle posture che chiamo passi obbligati, poiche' fanno da base per una miriade di tecniche libere,
per il resto e' il corpo che deve imparare a modellarsi in un'altro modo e la mente deve essere sempre calma e ragionare anch'essa in un altro modo, poiche' il minimo
intervento non richiesto di quest' ultima potrebbe compromettere la situazione bloccando il corpo.Occorre poi imparare a combattere
e diventare imprevedibili sia come intenti che come tecniche che non devono essere tradizionali poiche' conosciute dall' avversario,il
Mugei si basa sull'uso di una buona strategia e sul perfetto equilibrio tra mente e corpo.
per riassumere il concetto noi usiamo dire :
"devi agire in piena sicurezza e far tutto cio' che vuoi correndo sul filo di
un rasoio
trovandolo piu' comodo di una larga strada".
Purtroppo a quanto posso constatare,la comprensione di tale sistema di combattimento e'scarsa, poiche' esula da tutto cio' che e' canonico o tradizionale, questo anche per l'estrema efficienza priva della dovuta spettacolarita' classica delle arti marziali.
Lo studio di tale sistema e' complesso poiche' non lascia nulla al caso e l' osservazione ed il controllo devono essere sempre attivi, mentre il corpo rilassato pronto a qualsiasi azione.
E' inutile combattere (nel caso sia obbligato per necessita') se ho la possibilita'di poter risolvere la situazione con un colpo,ma nello stesso tempo devo saper combattere se il conflitto si prolunga.
Quando due persone si battono ed ambedue rimangono massacrate e' stupido definire uno dei due vincitore solo perche' e rimasto in piedi, ambedue hanno subito danni notevoli, quindi lascio questo tipo di combattimento a chi ha bisogno di sfogarsi e nel mio caso il pensiero e' : limitare i danni il piu' possibile e preferibilmente finire ancora prima di iniziare.Diceva Bruce Lee per me piu' di un Maestro di arti marziali ovvero una persona di Vera Conoscenza.. " L' Arte senz' Arte e' L' Arte dell' Anima " e' credo fermamente nel concetto da Lui esprersso e purtroppo compreso da pochi!.


Adriano Pizzato Hanshi PhD MA I.B.S.